Il nostro weekend in una SPA di lusso

306
weekend in una SPA di lusso

Credevo che fosse un’esperienza delle favole, quella di entrare in un castello e sentirmi una principessa. E invece, quando F. mi ha mostrato i biglietti per il nostro weekend in una SPA di lusso ho creduto di impazzire di gioia. Non era il solito luogo ricco di saune, bagni turchi, idromassaggio e relax. Era molto di più. Erano due giorni tutti nostri in un meraviglioso castello del ‘600.

Non avevo idea di cosa potesse significare un intero weekend in una SPA prima di questo fantastico regalo. Ero solita andare per le canoniche due ore, senza preoccuparmi mai della struttura esterna, di cosa ci fosse intorno. In fondo, quel che conta sono i trattamenti, pensavo.

E invece, nel momento in cui ho realizzato di mettere piede in una dimora storica di incredibile bellezza, ho capito che una spa può esser molto di più di un agglomerato di aree destinate alla salute di corpo e mente.
Può essere un luogo magico dove sentire che tutto può succedere tra le bolle d’acqua calda che ti avvolgono e il vapore delle saune che ti sfiora.

L’esperienza luxury del weekend in una SPA incantevole

Accedere ai servizi di un centro benessere di lusso significa inebriarsi di qualcosa che sembra appartenere solo ai più fortunati della terra. Eppure, in quel posto e in quel momento c’ero io e la persona che amavo. E quegli odori, quei profumi e quella perfezione che ci circondava erano esattamente lì per noi.

Tolto l’accappatoio morbido e con le iniziali dell’hotel ricamate, ci immergemmo nella vasca idromassaggio costellata da piccole candele profumate. In fondo, la spa era tutta così: illuminata da piccole delight la cui luce rifletteva le pareti della cava in pietra naturale dalla quale era stata ricavata.

A bordo vasca ci avevano consegnato due calici di champagne e della frutta fresca, da un personale di servizio che sembrava avesse imparato il protocollo direttamente a Buckingham Palace. Persino l’acqua sembrava avere un aspetto diverso e migliorato rispetto ai centri benessere che conoscevo.

Il bamboo massage del weekend in una SPA tutta da scoprire

Mentre parlavamo di noi e di quanto fossimo felici di essere insieme in quel momento, il mio compagno mi disse che il pacchetto che aveva acquistato comprendeva diversi trattamenti. Non avremmo avuto solo l’accesso illimitato all’intera struttura come: sanune, docce emozionali, percorsi kneipp e quant’altro, ma avremmo goduto di un bamboo massage di coppia, in una stanza tutta per noi. Non ne avevo mai sentito parlare, ero eccitata e incuriosita insieme.

Giunti sul posto, a pochi metri dall’area idromassaggio, una tenda faceva da separé decorativo tra la parte antistante open space e lo spazio interno della zona massaggio.

Scorsi le tende su suggerimento del personale di servizio, che si trovava già al di là della soglia ad aspettarci e quel che vidi fu meraviglioso. Più che un semplice weekend in una SPA stavo vivendo un sogno. Ogni angolo di quella stanza emanava profumi speziati, agrodolci e agrumati, e una musica in sottofondo si fondeva con l’ambiente come se fosse nata apposta per lui. Nella parete antistante ai lettini dove ci accingevamo a sdraiarci, una varietà di olii essenziali ci dava il benvenuto insieme alle massaggiatrici, e dentro questo quadro di bellezza inverosimile ci posizionammo per iniziare.

Con gli occhi chiusi non avevo idea di cosa facesse il personale sul mio corpo, ma la sensazione di quelle mani addosso e del bambù sulla mia pelle avrei voluto non finisse mai. In uno spazio di soli 45 minuti sentimmo tutta la loro esperienza.

Il benessere figlio di un’altra epoca nel mio weekend in una SPA dentro un castello

Le ore scorrevano e noi non sapevamo com’era il paradiso, ma ci stavamo facendo un’idea di come poteva essere fatto. Scrutando la struttura del centro benessere mi rendevo conto di quanti dettagli fossero curati, dal più piccolo al più importante. Dalla brochure dei trattamenti agli accessori della SPA, tutto era intonato allo stile aulico di un benessere figlio di un’altra epoca.

Avevo ricevuto un regalo incredibile: avevo conosciuto lo sfarzo e la ricchezza e mi ero resa conto che, anche se per due giorni, potevo farne parte anch’io. Fu un’esperienza che non dimenticherò mai. Uscimmo da lì rigenerati nel corpo e nello spirito. E ancora adesso, tutte le volte che possiamo, torniamo in quel castello per riprenderci quello che abbiamo lasciato sul posto: un frammento tangibile della nostra anelata felicità.